Pensavamo di essere liberi

Pensavamo di essere liberi, in democrazia, e che questo fosse acquisito una volta per tutte.

Era lecito dedurlo, e anche bello. Alcune cose portavano a pensarlo; una certa dose di cinismo e di ignoranza diffuse aiutavano in tal senso.

Il fatto poi che un miliardo di persone non avesse nulla, 50 mila bambini morissero di fame al giorno e una settantina di guerre fosse appannaggio endemico della parte povera del mondo e servissero a farci avere il pieno, la cioccolata, il nylon o le banane, ci turbava a volte, per qualche secondo, poi il quotidiano ci risucchiava.

E andata bene per un po’.

Settant’anni senza guerre in Europa, a parte l’ex jugoslavia, ma, si sa, i balcani “producono più storia di quella che riescono a consumare”…..

Invece.

Il nemico stava preparando un attacco senza precedenti.
Con armi nuovissime, difficili da identificare come tali di primo acchito.

Ma..il nemico chi ?
I potenti. Sempre loro. Quelli che vogliono tutto, hanno tutto, ma non basta loro.

Si potrebbe anche dire “la predatorietà umana raccolta in un eggregora impersonificata in grandi banchieri, grandi potenti, sicuri psicopatici, ma non cambia granché, il succo è quello.

Come ci hanno attaccato ?

Subdolamente.

Ma non per strada, dove ora si scontrano gilet gialli e tute blu, poveracci contro poveracci, no, ci hanno attaccato ovunque.

Nei media, in fabbrica, nei campi, nelle università, nei magazzini, dal commercialista, dal notaio.
Nel licei, nei call center, in banca, nei supermercati, nei bar, ai concerti, a scuola, all’asilo nido e all’ospedale.

Nei media ci hanno propinato cazzate dalla mattina alla mattina, senza sosta: cazzate sull’economia, sugli omicidi, sui femminicidi, sugli sbarchi, sul lavoro, sui soldi su tutto: un attacco continuo a verità, logica e priorità.
Per anni, pranzo cena e colazione, stupri, falsità e soprattutto PAURA.

in Fabbrica ci hanno attaccato con la minaccia: o prendi questi due spicci o vado in Romania. Servi meno, sempre meno, sappilo, il tuo potere contrattuale, la tua stessa dignità evapora…anzi, non mi servi proprio più….

Nei campi: Veleno. E prezzi inferiori al costo del veleno, se no, prendo i pomodori in Cina e il riso in Vietnam, e il resto dove mi pare: il tuo raccolto non mi serve, ma se ti fai aiutare da tuo zio a vendemmiare, mando gli elicotteri con gli ispettori del lavoro….

Nelle Università ci hanno insegnato, e ora abbiamo stuoli di laureati convinti, che il corpo umano nasca imperfetto e vada migliorato con formaldeide, alluminio, feti e cervello di scimmia triturato…. ci hanno convinto, alla facoltà di economia, che esiste l’economia aziendale e…..basta.
Lo stato se non ha soldi se li deve far prestare….

Nei magazzini ci hanno attaccato con centinaia di milioni di tonnellate di roba prodotta dove tutte le regole che ci impediscono di lavorare NON ci sono
Seppelliti dalle regole compriamo tutto da chi non ne ha.

Dal Commercialista ci hanno attaccato dicendo che anche se abbiamo pagato più di quanto abbiamo, e siamo andati in rosso, non siamo congrui…e comunque c’è l’anticipo di tasse da pagare su redditi che già sappiamo non avremo.

Dal notaio ci hanno attaccato dicendo che per intestare la casa al figlio il bagno è del notaio, poi ci sono i bolli…e se compri una casa farlocca , comunque cazzi tuoi.

Nei licei ci hanno attaccato levando la storia dell’Arte nel Paese dell’Arte, creando una base di ignoranti che domani non riconosceranno Mandela da JAx.

Nei call center ci hanno attaccato alla zia, o alla nonna, senza casetta della quale, saremmo su un cartone alla stazione Termini.

In banca ci hanno attaccato con il rating, soldi gratis a chi ne straborda, cari a chi ne ha un po’ bisogno, niente agli altri, salvo sottrazione del malloppo ma in inglese.

Nei supermercati ci hanno attaccato con mille cose: dai sottoprezzo ai cibi che cibi non sono, dalle filiere della camorra allo strangolamento dei contadini, da formaggi alla melamina al finanziare comunque le mafie, e l’amico del negozietto chiudeva….

Nei bar hanno messo le Slot per succhiarci gli ultimi 50 euro. Tutti quelli che hanno perso un lavoro hanno aperto un bar o una pizzeria, e ora incassano meno dell’affitto.

Ai concerti hanno mandato i paladini della deportazione a convincere gli adulti che la colpa è nostra, che siamo cattivi e non vogliamo condividere. Ma cosa ?

A scuola hanno attaccato tutti: bambini al freddo spesso, educati alla competitività, che è quella cosa dove o meni, o te menano, e di solito comunque ne prendi un sacco, così ti abitui. E così fino al prossimo terremoto visto che le scuole non sono state adeguate alla sismicità; i docenti, che hanno in mano l’oro, il futuro e i destini di una nazione, trattati non a caso, come rifiuti….

All’asilo nido non entri se non ti sei fatto bucare: in un asilo fatiscente il non idoneo, bambino sano, sei tu. Sappilo.

All’ospedale ci hanno attaccato con tutto. Stuoli di benemeriti ancora reggono con grande sacrificio ma non ce la fanno più.
La salute come “businnes” ! Un ospedale deve rendere !
E allora conti mostruosi alla sanità pubblica per un servizio che sta scomparendo, come le barelle, come i pronti soccorso, come gli esami fatti per tempo, come l’aspettativa di vita più lunga della generazione precedente, come la salute.

————————————————————————–

Ecco dove ci hanno attaccato, poco per volta, pezzo pezzo, e ora siamo con le spalle al muro.
Non ancora ? Vero. Non ancora.
Molti di noi NON ancora.
Molti si, lo sono già.

Ecco dove ci hanno attaccato, e siamo arretrati, poco a poco, batraci nell’acqua dapprima tiepida, ora calda….

Ecco dove dobbiamo attaccarli.

OVUNQUE.

In tutti i luoghi che ho citato, più tutti quelli che ho dimenticato.
Inutile ribaltar macchine e tirar sassi ad altri poveracci: io giallo, tu blu.
Inutile sperare che comunque a qualcun altro tocchi prima che a me….

La spesa, gli studi, le letture, l’approccio, la parola, gli acquisti, i consumi, i fatti che noi compiamo, le relazioni che noi intrecciamo, compongono la realtà esattamente così com’è.

Siamo gli attenti artefici del nostro destino.

Destino di responsabilità.

Siamo i responsabili dell’aver accettato che tutto ciò accadesse.

Siamo arretrati in tutti i luoghi che ho citato per vari motivi, li per pigrizia, la perché i problema era altrui, laggiù conoscevamo qualcuno, la avevamo due soldini, li non ci conveniva, la abbiamo avuto paura, un’altra volta non ce ne fregava niente…

Ci hanno attaccato quindi….dividendoci.
Facendoci pensare di volta in volta che NON era problema nostro.

Ora lo è.

E chi non l’ha capito, sinceramente……capirà.

Non c’è nulla che possa dire di più.

Grazie della pazienza.

G5

Carri armati, fanterie, bombe e bombardieri sono medioevo.

La guerra moderna si sta spostando nello spazio ma ora è basata e misura la sua efficienza, precisione e infine la possibilità di vittoria su missili, e su sistemi “intelligenti” d’arma, tutti collegati e comandati da remoto.
Il tutto esige enormi quantità di dati accessibili in tempo reale.
Il tutto esige una banda passante enorme.

Chi possiede la banda passante più forte ha molta più conoscenza, più ricognizione, più dati, più mira, più efficacia.
Lui colpisce prima di esser colpito, gli altri no: soccombono.

Il 5G ha finalità prettamente belliche.

Andrà tutto bene

Per questioni che non vi sto a dire, pranzo spesso con persone che vengono da tutto il mondo. Soprattutto americani, del Colorado, Oregon, Minnesota, Connecticut, New York, Texas, California, Massachusetts, Oklahoma, Washington d.C. ma anche dall’India, Germania, Olanda, Francia, Svizzera, Korea, Singapore, Russia, Polonia, Taiwan…
Faccio un po’ da interprete.
Ebbene, a parte l’ovvia considerazione che i popoli non sono i governi che li rappresentano, e più che complici, di questi sono le vittime, sono in grado di affermare a ragion veduta, che il livello di consapevolezza diffuso a livello mondiale, è ben più alto di quello che si potrebbe dedurre dalle informazioni e impressioni che circolano nei media.
La gente ovunque sa, capisce e reagisce molto più e molto meglio di quanto vogliano farci credere.
Gente brava, con figli educatissimi e brillanti, belle famiglie, persone le più varie, con mille interessi, affabili, simpatiche, generose, interessanti. Dappertutto.

Una boccata di ossigeno per il morale, di luce per il presente, di speranza per il futuro.

Forza.

Andrà tutto bene.

Il debito esiste eccome

Il debito che ci rinfacciano NON esiste. Soldi creati dal nulla non possono essere prestati, lo dice addirittura anche il regolamento interbancario mondiale.

Roba creata dal nulla deve essere rimessa nel nulla.

Esiste invece un altro debito. Eccome.

Un debito fatto di incuria, di ruggine, di abusivismo, di ignoranza, di fango, di rocce, di morti, di acqua, fuoco e crolli.
Di sfollati, di paesi abbandonati, di case crollate e comunità disperse. Di vecchi morti senza aver rivisto il proprio paese rivivere.
Un debito di scuole a pezzi e ospedali chiusi, di negozi spariti e aziende andate lontano. Di generazioni ignorate e ignoranti, che si chiudono, o preparate, che partono…
Un debito di possibilità in un paese dove c’è tantissimo da fare ma non te lo fanno fare.

Un debito soprattutto di FIDUCIA.

La FIDUCIA nel nostro paese bellissimo, dove ci sarebbe lavoro per milioni, ma ci sono milioni senza lavoro.
Dove c’è tantissimo da fare, e c’è moltissima gente che ha nulla da fare.
Perché ?
Perché mancano dei foglietti con dei numeri……

E’ impossibile non incazzarsi….

Sia davanti a questi criminali..
Sia davanti a chi ancora crede loro…

Big Pharma

Sulle prime 100 aziende di Forbes 500, 7 sono farmaceutiche.
Nessuna di queste è tra le prime dieci come fatturato ma
…….. senti senti …………
come utili queste sette ne fanno più delle altre 93 SOMMATE.

E come è possibile ?

Conoscete un’altra azienda, o un altro settore che riesce ad aumentare i propri clienti di UN MILIARDO di unità per decreto ?

https://ilsapereepotere2.blogspot.com/2017/01/un-miliardo-di-malati-in-un-colpo-solo.html?fbclid=IwAR3AKIn_mZwJSsVEpN9FglkdC1NubMG_fgE1Lr2ioiC2uMscYYCV1qRGru0

https://ilsapereepotere2.blogspot.com/2017/01/un-miliardo-di-malati-in-un-colpo-solo.html?fbclid=IwAR3AKIn_mZwJSsVEpN9FglkdC1NubMG_fgE1Lr2ioiC2uMscYYCV1qRGru0

Lo stato e i biglietti del tram

La ricchezza è creata da operai, falegnami, insegnanti, studiosi, librai, meccanici, fabbri, ingegneri, geometri, progettisti, dottori, musicisti, mastri birrai, agricoltori, allevatori, enologi, architetti, commercianti, camionisti, pompieri, poliziotti, climatisti, idraulici, tappezzieri, imprenditori, revisori, contabili, albergatori, ristoratori, cuochi, camerieri, facchini, metalmeccanici, trattoristi, insegnanti, infermieri, agronomi, minatori, gruisti, agenti di commercio, segretari…..

Il denaro è creato dallo Stato affinché costoro possano scambiarsi comodamente il loro lavoro senza i palesi limiti del baratto diretto e possano esser messi in condizione di contribuire ai fabbisogni del funzionamento della comunità.

Quando lo Stato mette in giro la moneta , questa serve al funzionamento degli scambi tra cittadini, aziende, negozi.

Se in giro devono esserci, per comodità, perché quello è il volume degli scambi, dieci miliardi per esempio, lo stato dovrà essere in deficit di 10 miliardi. Dovrà averne creati, sempre per esempio, 13 miliardi e dovrà averne ritirato tre miliardi con tasse e imposte.

Chiamarlo “debito” è già una idiozia.

E’ come se Telecom chiamasse debito le sue carte telefoniche prepagate, o Atac chiamasse debito i biglietti messi sul mercato. Nè Telecom, né Atac, né lo Stato, hanno contratto con quei biglietti nessun debito.
Tu che hai in mano quei biglietti, hai un servizio PREpagato.
Da Telecom tot. telefonate, da Atac tot. viaggi in tram, dallo Stato tot. tasse PREpagate.

Avete capito ?

ecolez. n°1.

Bretton Wood

Vi racconto una storia..
che alcuni sanno benissimo: costoro mi perdonino.

Fino al 1971 gli Stati Uniti, e dietro di loro tutto il mondo, emettevano moneta garantita da un una montagnola di oro.

A voler essere precisi il valore del dollaro USA era fissato in 20,67$ per un’oncia troy (31,1034768 grammi). Il valore di 1 dollaro equivaleva a 1,50476 grammi d’oro; 1 kg d’oro era pari a 664,556 dollari.

Gli americani spesero una fortuna per la guerra in Vietnam e quando la Francia chiese indietro l’oro a fronte del malloppo di dollari che si ritrovava, gli americani (Nixon) risposero:
“Abbiamo scherzato, il concambio dollaro / oro è temporaneamente sospeso.
Era talmente temporanea la sospensione che non se n’è parlato più…. i trattati di Bretton Wood codificarono tale abolizione . Le monete da allora sono FIAT , ma gli Agnelli non c’entrano nulla, “Fiat ” come “fiat lux” di divina memoria.
Cioè ” e sia”. Sulla fiducia.
Non c’è più un montarozzo d’oro, di pecorino, o di petrolio a garanzia di alcunché. E’ tutto sulla fiducia.
Fiducia che sarà massima per una nazione che ha una fortissima produzione, come il Giappone o l’Italia, sarà scarsa e dubbiosa se il paese emettente avrà produzione e quindi futura solvibilità incerta. Sarà nulla se a emettere sarà un paese povero, che non produce alcunché.
Bene.
Questo non fu un male in se, ma da quel momento, visto che si poteva emettere moneta del tutta “scoperta” sarebbe stato assolutamente doveroso controllare chi emettesse e a chi desse quei soldi costui.
Da quel momento che a emettere dovessero essere solo nazioni era più che obbligatorio….
INVECE….
Da li partì’ una lunga e continua denigrazione della Politica.
“Politici corrotti”, “inaffidabili”, ci furono scandali su scandali…. e quando fu proposto che la Banca Nazionale, di qualunque paese fosse, dovesse esser indipendente dalla politica, tutti applaudirono………alla loro rovina.
Nacquero banche dai nomi che sembravano “nazionali” come Federal Reserve, Bank of England, World Bank, Bankitalia, Fondo Monetario Internazionale, che suonano pubbliche, ma erano e sono drammaticamente, ineluttabilmente, drasticamente e completamente private.
Stava nascendo la dittatura perfetta.

Quando emette moneta un privato, tu sarai privato di tutto, non c’è verso.

Perché ?

Per tanti motivi. Di cui uno elementarmente matematico. Emette cento , e cento è tutto quel che c’è.
Lo da alle banche che te lo prestano e vogliono 105.
Quei CINQUE non esistono al mondo.
Dove li prendi ?
Vendendo quel che avevi prima. Tutti gli anni.
Morso a morso, finché non hai più nulla….
Poi, dando il tuo lavoro gratuito, che si è sempre chiamato schiavitù…..

Non c’è scampo….

Io non ho figli.
Fate un po’ voi……..

Il mondo a testa in giù

Forse…
e dico forse….

……il mondo andava male.
Un miliardi di affamati, un miliardo di obesi…

Un mondo che non sapeva dove trovare cibo, a fianco a un mondo che spendeva più per dimagrire che per mangiare.

Un mondo che spendeva 4 miliardi al giorno in armi , e lasciava morire 30mila bambini al giorno, e salvarli costava un centesimo….

Un mondo che si disperava se la connessione era fallace, a fianco a un mondo che prendeva l’acqua a 30 chilometri. Sporca….

Noi eravamo dalla parte fortunata. Tutto a posto.
Vacanzina ?
aperitivo ?
Thailandia ?

Di colpo si ribalta.

E diventa un mondo sottosopra..

Dove una dirigente viene licenziata perché dice che partoriscono solo le donne.
Dove un liceale viene espulso perché dice che i generi sono due.
Dove viene torturato chi dice la verità, e viene quotato in borse chi mente.
Viene arrestato chi svela le menzogne , e osannato chi le propaga.
Dove è proibito uccidere, ma non se ne uccidi tanti…
Dove le guerre sono umanitarie, le bombe sono intelligenti, i bambini morti sono danni collaterali..
Un mondo dove chi è ricco non paga tasse, chi fa fatica, gliele raddoppiano.

Dove chi si è preso tutto dice che è colpa di chi non ha nulla.

BENE.

Abbiamo il mondo a testa in giù.
Alla rovescia.

Bisogna fargli finire il giro.

Siamo a metà dell’opera.

Bisogna portarlo a essere come deve essere, come doveva essere : deve fare il giro completo.

Il cambiamento è in corso, non disperate. Prima bisogna sbattere sul fondo evidentemente, e rimbalzare.

E poi salvarsi, e creare il mondo nuovo.

Stai a noi. Sta a te.

Ognuno come sa , ognuno come può.

Studenti Usa e getta

Quello che gli studenti internazionali pagano in media nelle scuole e nelle università pubbliche:

Danimarca: 0 dollari.
Islanda: 0 dollari.
Turchia: 0 dollari.
Slovenia: 0 dollari.
Germania: 0 dollari.
Finlandia: 0 dollari.
Norvegia: 0 dollari.
Svezia: 0 dollari.
Estonia: 0 dollari.
USA: 8,778.00 dollari.

All’anno, senza contare trasferte, , spese extra, ecc.ecc.

Allora gli studenti si indebitano.
Si chiama debito d’onore.

Spesso , dopo anni, non riescono più a far fronte e vanno nei guai….

Ma c’è lo zio Sam, non vi preoccupate.

Quest’anno il pentagono è riuscito a coprire le sue necessità di arruolamento rivolgendosi soprattutto a studenti indebitati.
Pena il fallimento, che negli USA è anche individuale.

Così.
Per sapere.

olnɔuɐɟɟɐʌ

olnɔuɐɟɟɐʌ

Non vale per tutti e in quanto generalizzazione ha eccezioni, e anche corpose.
L’italiano comunque è un popolo molto resiliente. Dominato da sempre da potenze straniere, anche se in divisa italiana, segue spessissimo il motto, “Cala giunco, che passa la piena”.
Si piega ma non si spezza, in altre parole.

Anche perché ha mille risorse.
I cognati, la famiglia, la pensione di zia o di mamma, una attività, la più improbabile, ma in nero, grazie a Dio.

Fa le unghie, l’idraulico, ripara tutto, raccoglie le olive, ha casetta fuori col rumeno a 200 euro, alleva gatti, aiuto meccanico, manovale, porta le medicine a Napoli tutti i giovedì, o i giornali, fa di tutto. Si alza alle 3,45, ma il cinquantino a casa lo porta. Per forza.
E questa non è evasione, è LEGITTIMA DIFESA, da governi che ti succhiano il sangue per anni, salvo poi dimenticarti se ti casca casa addosso, o chiude la ditta dove lavoravi, o se hai bisogno di una tac….
Legittima difesa da governi che hanno tradito ogni mandato costituzionale.

Poi, arriva un governo più di merda degli altri, che vede nuovi finti rivoluzionari e la vecchia finta sinistra accoppiati come le canne di una doppietta.
“Rivolta al petto di chi ?”
“al tuo”

Che sei un evasore, che hai speso troppo, che non vali in cazzo, che sei incapace di “competere sui mercati globali” contro multinazionali che fatturano al minuto quanto te da quando hai aperto la partita Iva e pagano un centesimo di te di tasse. Un governo che e promette “urbi et orbi”, che ti farà un culo così. Che è finita la pacchia….
Un governo di centinaia di nulla facenti che non hanno risolto UNO dei problemi che attanagliano il paese, di ragazzotti che a diecimila al mese bivaccano in centro a Roma.
“Onorevole, uno spritz ?”
in uno di quei bei bar della città più bella de mondo….. e tu sei in fila sul raccordo, o in banca a scegliere cosa pagare.
“F24 o fornitori ??”

“Basta contante, basta evasori, se non vuoi andare sui cartoni, andrai in prigione”.

Promette , minaccia anzi, di mettere il piede su quel piccolo tubicino che ancora ti portava ossigeno, anche se poco e per poco……

Poi, si stupiscono se, come in una nemesi più che prevedibile, arriva il VAFFA DAY….

in controfase….