Studenti Usa e getta

Quello che gli studenti internazionali pagano in media nelle scuole e nelle università pubbliche:

Danimarca: 0 dollari.
Islanda: 0 dollari.
Turchia: 0 dollari.
Slovenia: 0 dollari.
Germania: 0 dollari.
Finlandia: 0 dollari.
Norvegia: 0 dollari.
Svezia: 0 dollari.
Estonia: 0 dollari.
USA: 8,778.00 dollari.

All’anno, senza contare trasferte, , spese extra, ecc.ecc.

Allora gli studenti si indebitano.
Si chiama debito d’onore.

Spesso , dopo anni, non riescono più a far fronte e vanno nei guai….

Ma c’è lo zio Sam, non vi preoccupate.

Quest’anno il pentagono è riuscito a coprire le sue necessità di arruolamento rivolgendosi soprattutto a studenti indebitati.
Pena il fallimento, che negli USA è anche individuale.

Così.
Per sapere.

olnɔuɐɟɟɐʌ

olnɔuɐɟɟɐʌ

Non vale per tutti e in quanto generalizzazione ha eccezioni, e anche corpose.
L’italiano comunque è un popolo molto resiliente. Dominato da sempre da potenze straniere, anche se in divisa italiana, segue spessissimo il motto, “Cala giunco, che passa la piena”.
Si piega ma non si spezza, in altre parole.

Anche perché ha mille risorse.
I cognati, la famiglia, la pensione di zia o di mamma, una attività, la più improbabile, ma in nero, grazie a Dio.

Fa le unghie, l’idraulico, ripara tutto, raccoglie le olive, ha casetta fuori col rumeno a 200 euro, alleva gatti, aiuto meccanico, manovale, porta le medicine a Napoli tutti i giovedì, o i giornali, fa di tutto. Si alza alle 3,45, ma il cinquantino a casa lo porta. Per forza.
E questa non è evasione, è LEGITTIMA DIFESA, da governi che ti succhiano il sangue per anni, salvo poi dimenticarti se ti casca casa addosso, o chiude la ditta dove lavoravi, o se hai bisogno di una tac….
Legittima difesa da governi che hanno tradito ogni mandato costituzionale.

Poi, arriva un governo più di merda degli altri, che vede nuovi finti rivoluzionari e la vecchia finta sinistra accoppiati come le canne di una doppietta.
“Rivolta al petto di chi ?”
“al tuo”

Che sei un evasore, che hai speso troppo, che non vali in cazzo, che sei incapace di “competere sui mercati globali” contro multinazionali che fatturano al minuto quanto te da quando hai aperto la partita Iva e pagano un centesimo di te di tasse. Un governo che e promette “urbi et orbi”, che ti farà un culo così. Che è finita la pacchia….
Un governo di centinaia di nulla facenti che non hanno risolto UNO dei problemi che attanagliano il paese, di ragazzotti che a diecimila al mese bivaccano in centro a Roma.
“Onorevole, uno spritz ?”
in uno di quei bei bar della città più bella de mondo….. e tu sei in fila sul raccordo, o in banca a scegliere cosa pagare.
“F24 o fornitori ??”

“Basta contante, basta evasori, se non vuoi andare sui cartoni, andrai in prigione”.

Promette , minaccia anzi, di mettere il piede su quel piccolo tubicino che ancora ti portava ossigeno, anche se poco e per poco……

Poi, si stupiscono se, come in una nemesi più che prevedibile, arriva il VAFFA DAY….

in controfase….

Le mille divisioni orizzontali

Le mille divisioni orizzontali sono perfettamente congrue e funzionali all’occultamento dell’enorme, unica, grave, divisione verticale che si sta incrementando di giorno in giorno.
Tra chi sta sopra e chi sta sotto.
Nell’unica vera e gravissima divisione esistente oggi: gli straricchi e i poveri. Categoria la prima che vede raddoppiare i propri averi ogni 8 anni, mediamente, e tutti gli altri, inclusa la classe media in via di sparizione, e di discesa nella classe dei poveri.
Se sei donna e ricca, sei ricca.
Se sei gay e ricco, sei ricco.
Se sei nero e ricco, sei ricco
Se sei giallo e ricco, sei ricco.

I problemi cominciano se sei povero. e allora son dolori, sia che su sia nero, bianco, rosso, giallo, donna , gay, etero, lesbica, albino, musicista, spazzacamino, siciliano, milanese, sposato, anemico, tatuato, del sud, delle isole, pescatore, contadino, urbano…… la volete capire ?

Ecchediamine

Guerra

Se consideriamo come terza la guerra fredda, la quarta è cominciata circa trent’anni fa.
Una guerra atipica, globale, ma combattuta con due modalità differenti: Aerei, droni, bombe, finti terroristi, dove quel che si vuole depredare è sottoterra. Petrolio, Coltan, terre rare, litio, humus.

Moneta debito, spread, austerità e truffa finanziaria dove ciò che si vuol rubare è sopra il suolo, e non asportabile.
Ricchezze monetarie, banche, mercato, tecnologia, stato sociale, strutture, coste, isole, concessioni. Come in Europa.

E’ una guerra atipica perché non è orizzontale, tra nazioni, ma verticale, mossa dall’1% ricco del pianeta, all’altro 99.
Noi.

In alcuni luoghi la gente è arrivata al limite, e spacca tutto.

D’altronde è diverso se fai fatica a pagare le bollette e devi rinunciare alle vacanze, come noi, o se vedi i tuoi figli che non mangiano da tre giorni, e barcollano….

Sono in fiamme, Cile, Libano, Argentina, Equador, e ora Haiti
Francia , Germania e Olanda scricchiolano….con i trattori per strada.

Io mi sto preparando, senza angoscia, in allegria…
ma mi sto preparando.

Cibo ed energia dobbiamo averli a portata di mano.
Se altri posseggono ciò che ci serve per vivere, la nostra libertà è di facciata.

https://rep.repubblica.it/pwa/generale/2019/10/20/news/sudamerica_proteste_crisi_economia-239058067/

https://agensir.it/mondo/2019/10/22/haiti-brucia-nellindifferenza-del-mondo-cadorin-caritas-siamo-chiusi-in-casa-situazione-rischia-di-precipitare/

https://notizie.tiscali.it/esteri/articoli/libano-fiamme-pazienza-finita/

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Cile-sale-a-11-il-numero-dei-morti-Dati-alle-fiamme-gli-uffici-dell-anagrafe-vicino-Santiago-d6a426b3-4c6f-4dc4-9150-01769b295483.html

Un maestro della biodinamica

Dopo un lungo giro montagna montagna, senza scendere a valle, si arriva nello sbalzo eclatante di Roccamassima.
In lontananza, il mare.
E giù, sul lago di Fogliano che costeggia il mare stesso, una azienda agricola.
Se in vita mia fossi stato più bravo, più determinato, più preparato, avessi cominciato prima, avessi studiato di più………
non ci sarei riuscito lo stesso..😂

Troppo bella. Perfetta. I colori, il legno, i prodotti, la sua storia, l’estensione, la posizione, la filosofia….
Impossibile.

Siamo nel meraviglioso spaccio aziendale di prodotti Bio, secondo tutti gli standard, anzi, tutto è prodotto in loco da anni secondo logiche Biodinamiche, il lato agricolturale dell’antroposofia steineriana.
Chiediamo del proprietario-direttore, Pasquale Salzarano, perché sono con un suo amico….
Inarrivabile. Persona indaffaratissima sui 140 ettari, sulle conferenze, è stato da poco in Cina, non lo si vede mai li, bisogna chiamare prima, e prendere un appuntamento.
Usciamo e chi c’è ? Pasquale, che addirittura ci dedica mezz’ora in una chiacchierata illuminante.
Perché è un illuminato. Un maestro.
Magistrale e umile, come tutti i grandi.

Un inizio nella piccola azienda agricola di famiglia, poi un inizio carriera di venditore di sementi, di chimica, di pesticidi.
Poi il ravvedimento di un uomo eccezionale che con tanti anni di fatica enorme e sorriso perenne ha creato un angolo di bellezza disarmante. di produttività , di roba buonissima, di armonia. E’ tutto bello, sorridono tutti, è tutto colorato…
Conferenze, scuola, didattica, esportazione di prodotti buonissimi e di sapere.

Grazie Pasquale, è stato un onore conoscerti.

Le società immortali

Le Multinazionali sono esseri predatori per genesi.

Nel loro DNA, l’oggetto sociale, hanno scritto il loro mandato: il profitto.
D’altronde sono società di capitali, non di umani, e il capitale ha un solo fine: l’accrescimento.
In nessun luogo è scritto che debbano rispettare etica, diritti umani, logica o giustizia, nulla.

Sono riuscite, nel tempo, a farsi assegnare dalle legislazioni nazionali di TUTTE le nazioni, gli stessi diritti degli umani: buon nome, fama, diritti, rispettabilità, tutte cose leder le quali costa cause e penali.
Hanno tutti i diritti di un essere umano, ma non l’ultimo dovere e termine di quest’ultimo.

La livella finale.

NON MUOIONO.

Faremo il botto

Faremo il botto.

In natura tutti i processi sono a retroazione negativa, cioè pongono in essere direttamente o indirettamente condizioni via via più difficili al loro incrementarsi.
Comprimere gas in un tubo richiede via via quantità maggiori di energia fino all’infinito, idem per le temperature da addurre a un corpo solito, idem per l’energia necessaria all’incremento di velocità fino alla velocità della luce.
I “buchi neri” sembrano non soggiacere a questa impostazione e all’aumento della massa , aumenta la loro capacità di attrazione e quindi attirano altra massa, ma ne sappiamo ancora poco, e comunque il fatto che i loro confini siano chiamati lugubramente “orizzonte degli eventi ” non depone a loro favore per la scelta della prossima meta per le vacanze…

La pulsione di ogni legge e di ogni comunità all’equilibrio vale anche per le organizzazioni animali: quando le densità crescono, o gli agglomerati o branchi aumentano di numero, sale il bisogno di cibo e le problematiche relazionali fino a un punto di bilanciamento che infine si impone.
I fattori a retroazione negativa servono e sono la base dell’equilibrio.
Le organizzazioni umane tendono per lo più alla stessa logica.
La stessa progressività fiscale, per esempio, ne è esempio lampante: mettere aliquote più alte di fronte a guadagni più grandi, non serve come potrebbe sembrare a far contribuire maggiormente alle spese pubbliche chi ha di più, ma a impedire che costoro diventino troppo ricchi, presupponendo che la ricchezza smodata di alcuni possa travolgere le regole stesse della democrazia. (Athene 470 a.c.).

Bene.

Orale cose si sono ribaltate.

Partendo dal basso, dai nullatenenti, le tasse crescono al salire del reddito ma fino a un certo punto, fino alla classe media o medio alta, poi spariscono:
I ricchi veri hanno trovato tutta una serie di sistemi per non pagare proprio nulla o quasi.
Amazon, Google, Apple, Carrefour, Ikea, BP, ‘nrangheta, Mafia e Cartelli vari, ecc.ecc. hanno centinaia di sedi in giro per il mondo, molte anche nei paradisi fiscali e in pratica decidono loro se e quanto e dove e a chi pagare le tasse.
Il grosso lo mettono via in conti offshore e poi diventano fondi di investimento.
Diventano “i mercati”.
Con miliardi in nero conquistano poi i favori della Politica facendosi fare leggi ad hoc, con le buone o con le cattive rendendo infine esponenziale il vantaggio che hanno su tutti i comuni mortali, concretando un micidiale effetto a retroazione positiva.
Gli stati depredati da un lato della possibilità di emettere moneta, dall’altro del grosso delle entrate fiscali, devono aumentare le aliquote a dismisura ai poveri sfigati che le pagano….costoro infine sono costretti a vendere a quelli che li hanno derubati.
Va avanti così da millenni, pressappoco, con meccanismi diversi, dalla spada allo spread.

Tutti i fattori però a retroazione positiva, cioè auto incrementali sono antitetici all’equilibrio, come ovvio.
Portano per certo a un riassestamento che a quel punto non può che esser esplosivo. Deflagrante. Fanno il botto insomma.

Dopo, torna l’equilibrio comunque, ma su nuove basi, con alcuni attori molto rinvigoriti, altri molto indeboliti.
Altri addirittura spariti. Estinti.
E’ inevitabile.

Altro esempio è la duplice tendenza dell’uomo a aumentare di numero esponenzialmente sul pianeta e ad aumentare l’incidenza di ogni singolo umano sul pianeta.
Sul pianeta potrebbero vivere 20 miliardi di umani attenti e tranquilli, per lo più vegetariani e morigerati. Ma anche solo 5 miliardi di carnivori incalliti, che vogliono la casa, il frigo, i viaggi, le vacanze e l’auto, corrispondono sul lungo termine a una guerra termonucleare.
Consumano tre pianeti ma ne abbiamo uno solo….

Credo insomma, sia il caso di rivedere alcune cose……

A che pro parlare di ciò ?

Per esser la trama di questo bellissimo film che è la presenza dell’uomo sul pianeta, e non i titoli di coda.

I Telomeri e i vecchi

Immaginate una cerniera lampo.

Il cursore, il carrello, corre su una lampo chiusa, però fatta a elica, e ne escono due. In una lampo il carrello divide due serie di strisce dentinate, qui invece il carrello è anche un sofiisticato laboratorio biochimico che legge la sequenza dei dentini, e ne crea una perfettamente uguale, quindi scorrendo, da una sua estremità ne escono due: una biocopiatrice scorrevole.

Stiamo parlando della duplicazione di una cellula, attività che si svolge incessantemente nel nostro corpo e riguarda i 3.72 × 10alla13a, ovvero: 37.200.000.000.000 ovvero 37.200 miliardi di cellule.

Arrivato alla fine dell’elica del Dna che il carrello ha duplicato, c’è un problema: la zona dove insiste il carrello, che è arrivato a fine corsa, come fa a duplicarla, se ci sta sopra ?
Bene.
Le terminazioni di tutte le cellule hanno una parte apposita, che si chiama Telomero, ridondante e non codificante, che serve appunto a non immettere errori nella duplicazione. Ogni duplicazione il carrello se ne mangia un pezzo ma il Dna è salvo ed è uscito uguale alla copia originale.

In vecchiaia questa parte terminale si è consumata tutta e quindi la copia della cellula nuova viene “smozzicata”, le manca un pezzetto che il carrello non è riuscito a duplicare correttamente.
Alcuni fattori, come inquinamento, stress, errate gestioni dell’energia corporea, alimentazione errata, interferiscano con la produzioni di telomeri.
Questa estremamente opportuna terminazione dell’elica del DNA, viene un po’ più corta del dovuto e quindi gli errori di duplicazione cellulare cominciano prima.
Le copie insomma cominciano a venir sbiadite prima del dovuto, il carrello della lampo si è fermato un po’ prima della fine della catena nucleica e alla nuova cellula manca l’ultima parte finale.
Non è perfetta.

– “Quello che è nel piccolo è nel grande”.

Infatti accade la stessa cosa anche nell’umanità tutta.

Tra una generazione e un’altra.
Tra una generazione e la precedente.

Così come il riassunto della nostra fisiologia esperita si iscrive tramite l’epigenetica nei nostri geni e viene trasmessa alle generazioni seguenti di cellule, così la somma delle nostre esperienze esistenziali, la nostra cultura si trasmette tramite la frequentazione reciproca delle generazioni di umani, ai piccoli, ai giovani, e permette il salvataggio prima, e l’evoluzione poi, della nostra specie.

Erronei o troppo parziali o difettosi contatti tra una generazione e la seguente, impediscono quel passaggio ottimale di esperienze e alla lunga impoveriscono l’accumulo e l’arricchimento esperienziale e sapienziale che noi chiamiamo “Evoluzione”, trasformando piano piano queste carenze comunicative intergenerazionali in vero e proprio regresso.

Una umanità insomma, in cui non c’è contatto appagante tra i piccoli e i vecchi, oltre a non essere felice, è come se non avesse Storia, come se non avesse Memoria.

Rischia di non conoscere davvero il suo passato, di non capire il presente.

Non ha futuro.

Credo quindi sia molto importante aiutare il nostro fisico a produrre telomeri finché ce ne sia bisogno, e da’altro lato creare luoghi dove sia normale, facile e bellissimo che i nonni frequentino i nipotini, per quel travaso sapienziale e affettivo che tiene unita la cerniera lampo della società, che aiuti i piccoli a capire dove stanno andando, uniti.

Insieme.

Figli dello zinco…

Figli dello zinco.

Un gruppo di ricercatori della Northwestern University notò nel 2014 un’evidenza eclatante studiando in laboratorio gli embrioni dei topi: le uova, non appena fecondate, emettevano guizzi di luce. Erano piccoli e ripetuti fuochi artificiali. Approfondendo l’indagine risultò che quei bagliori indentificavano proprio l’attimo del concepimento e più erano intensi più significavano il buon innesto di una vita nuova.

Questa la sintesi dello studio, possiamo azzardare qualche spiegazione più dettagliata senza scendere nel complicato. Innanzitutto il responsabile dei bagliori è lo zinco: questo minerale è fondamentale per la fecondazione al punto che se ne trovano venti miliardi di atomi quando l’uovo è pronto a ricevere lo spermatozoo, ma immediatamente dopo il concepimento – e proprio per avviare nel migliore dei modi lo sviluppo della nuova vita – l’eccesso di zinco deve essere smaltito; ecco allora l’emissione di luce, una piccola esplosione disperde ed elimina lo zinco in eccesso.

Siamo figli di un bagliore.
Siamo luce.

In piazza: Liberiamo l’Italia

Delegazioni internazionali ..

Jilet jeunes francesi
Candidata del Brexit Party UK
Un ex deputato di Podemos a altri due dalla Spagna
Gorgia Bitaku da Atene
Un rappresentante Greco da Salonicco
Un rappresentante per l’Austria,
Gli italiani di P101 e Sovranità Popolare
Moreno, Guido,Tiziana, Giusy, Micaela.

Ed è solo l’inizio di una giornata fantastica.
Ma davvero.

Al di la dell’ottima riuscita della manifestazione.

Ho incontrato, e mi sono venute a trovare persone fantastiche dal nord, dal Sud.

E poi ne ho conosciute altre, davvero sorprendenti.
Ma come sono interessanti le persone se parli, se scavi, se si aprono !!
Sono strabiliato.

Che fortuna.