La lotta tra Trump e il Deep State

La lotta tra Trump e il deep state si riverbera in tutto il pianeta in un ologramma illusorio nelle dichiarazioni, ma chiaro nei fatti.

Al Deep state è rimasta tutta l’informazione. Media e Giornali e Tv.

Costoro, i nazisti globali, dominatori assoluti dell’era Clinton, Blair, Bush e Obama e sponsor di Hillary, sono ora in ambasce ma sempre potenti.

Dipingono il mondo con tinte “democratiche ” ma agiscono con sostanza criminale.
Trump per lo più usa parole orribili ma agisce in maniera equilibrata e pacificatoria.

Ha promesso sfracelli in Korea, poi ha fatto incontrare le due coree che non si erano MAI incontrate, e lui stesso ha incontrato il “cicciottello”.
Si è accordato con Putin per la finta in Siria dove, in pratica ha permesso l’abbattimento del esercito “ribelle” ordito da Hillary: Daesh o Isis come vogliate chiamarlo.

Pone dazi dappertutto e in pratica ha dichiarato la fine della globalizzazione che sempre dagli Usa era stata imposta.

Ha la faccia da pazzo, i modi da burino, ma si comporta molto coerentemente con quanto promesso, con determinazione e intelligenza sopraffina, soprattutto perchè si è circondato da collaboratori di eccellente levatura.
Aveva contro anche tutti i servizi segreti, Nsa, Cia e Fbi ma li ha già portato avanti il processo di ripulitura.
Ha dalla sua il Pentagono, di cui forse addirittura è emanazione diretta. Se no era già morto.

L’internazionale della menzogna, di cui emanazione italiana è il PD e la sua stampa, definisce fascisti chiunque sia a favore del proprio paese, chi difenda i confini e con essi i diritti dei suoi lavoratori, perché il giochetto della globalizzazione della miseria, gliel’ha inceppato lo zazzeruto presidente americano.

Lo incolpano del muro col Messico che invece fu costruito da Clinton, l’affabile dem.
Gli accollano le foto dei bambini messicani piangenti con una foto di un bambino del Costarica dell’era Obama.
Ha tirato un totale di 123 missili , tutti fuori bersaglio in Siria. Obama ne tirò in totale 26200.
Dove ha toccato ha fatto pace.
L’ISIS era stato creato da Hillary Clinton, lui l’ha smontato. Avete più sentito nominare ISIS ? Il terrore del pianeta con le jeep nuove nuove ? Hillary nel frattempo rischia fortemente la galera per aver trafficato prima coi server segreti, poi con l’Uranio in Kazachstahn, e quando verranno fuori i video dei sacrifici umani, sarà finita.

Insomma, il sistema morente morde ancora, soprattutto con i Media, e le false notizie.
Non abboccate, guardate i fatti.
E guardateli bene.

scrivevo il 21 giugno 2018…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *