Ma che sei un dottore tu ?

“Ma che sei un dottore tu ?
Sei un immunologo ?
No. E allora perché parli di vaccini ?”

Con questo presupposto, di politica dovrebbero parlare solo i politici, di religione i preti, di guerra i soldati, di petrolio i petrolieri, di omicidi gli assassini, della morte dovrebbero parlare i morti….

Non sono uno specialista laureato in biologia molecolare né immunologo. Non sono in grado quindi di fare uno striscio di laboratorio, né di leggerlo.Tanto meno di fare una preparazione chimica, né di dosarla. Infatti non faccio nulla di tutto ciò.

Sono un tuttologo. Con tutta l’accezione negativa possibile su questo termine. Essere “tuttologi”, uso autoironicamente questo termine, presenta pochissimi pregi.
Uno di questi è la possibilità di incasellare le nozioni in un un campo vasto, cogliendone, se non si è molto stupidi, le correlazioni con disciplline adiacenti, non sovrapponibili, ma con molti punti “logici” in comune. La visione olistica che è nata in me da molti anni, mi ha mostrato nel tempo molti punti in comune ineludibili addirittura tra la meccanica fine, la biologia, la politica, la selezione naturale e l’etologia e l’antropologia quindi. La criminalità organizzata. La quantistica.
L’agricoltura biologica e sinergica, la resilienza.
Alcune logiche, luminose, sono trasversali a tutte questa scienze o branche del sapere. TUTTI, ripeto TUTTI gli ultimi 30 libri che ho letto, pur avendo autori, temi, logiche, nazioni di edizione e lingua madre, caratura e finalità diversissime, dicono , in fondo in fondo, la stessa cosa che, riferita ai vaccini, può esser sintetizzata così: Il sistema fisiologico umano, ma anche una singola cellula, e ne abbiamo circa 32 mila miliardi, è di una complessità sbalorditiva. Ogni volta che scopriamo una cosa, e siamo bravi, si allunga l’oceano a vista di quelle che neanche intuivamo. La quantistica ha ribaltato molti assiomi, e , applicata alla fisiologia, ci dimostra a maggio ragione, che tutto è collegato con tutto, così un cardiologo che si soffermasse solo sul cuore per risolvere i problemi del cuore, avrebbe zero possibilità di successo sul medio termine, se non tenesse conto del fatto che tra cuore, intestino, cervello, e sistema immunitario, è talmente vasto il sistema di informazioni passante, sia in banda digitale elettromagnetica che chimica tramite i peptidi, che analizzare l’uno, senza guardare l’altro, è come sperare di vincere a scacchi concentrandoci solo su una pedina.
Questo era solo un esempio.
Solo un endocrinopsicoenterocardioenergegenetologo ha speranza di guarire chicchessia. Per gli altri l’unica speranza che non riescano a interferire più di tanto con i sistemi di autoguarigione che il corpo presenta di suo. In pratica se non si tiene conto del sistema integrato mente-corpo-anima che il soggetto davvero è, si sta curando il nulla. Si sta eliminando il sintomo, ignorando la causa…. Con estrema rarità la medicina allopatica, tradizionale e meccanicistica purtroppo esce da questo vicolo cieco. Il tutto aggravato enormemente dal fatto che l’industria farmaceutica presenta verso di noi un clamoroso conflitto di interessi:
guadagna se stiamo male….smette di guadagnare si guariamo….

Essendo da curare l’insieme mente-corpo-anima, ne deriva che, ovviamente siamo diversissimi l’uno dall’altro. Per mille e uno motivi, biologici, ereditari, ambientali, genetici, caratteriali, psichici e fisici. Un bambino che nasce è un prodigio di cui, in realtà sappiamo nulla. Tenete presente che tutti i laboratori del pianeta: Harward, Mit, UNICAL, o Cern non sono in grado di creare nulla. Neanche una piantina di tagete. Un bambino che nasce è il riassunto di circa 2 miliardi di vita sul pianeta. Un download scaricato, ricaricato e inizializzato e riattivato in nove mesi. In cui questa spropositata quantità di informazioni verrà riattivata da cosa ? Qual’è lo start di questa prodigiosa riattivazione chiamata “vita” ? tutto ciò sarà contenuto PER INTERO in ognuna delle 32 mila miliardi di cellule. Di tutta questa memoria, che abbiamo chiamato genoma, dopo aver usato centinaia di migliaia di computer parallelati abbiamo decodificato il 3%, il resto, che non abbiamo capito a cosa serve, l’abbiamo chiamato Junk DNA. DNA spazzatura…. ———————–
Arriva un Burioni e mi dice che questa creazione non va bene. La natura ha sbagliato qualcosa, il tutto è imperfetto, c’è un bug, secondo lui…e allora, in questa macchina di complessità inimmaginabile, mentre ancora sta facendo l’inizializzazione, e compare un “WAITE” di alert sul display, in questa fase in cui è utile solo il colostro della madre che gli fa da protesi conoscitiva sull’ambiente pregresso e circostante e da integratore pro tempore dell’ immunosistema, a questo prodigio a noi sconosciuto, Burioni consiglia di iniettare un po’ di veleni: mercurio, formaldeide, feti frullati, cervelli di scimmia, alluminio. “Ve li vendo io, si,ci guadagno miliardi, si, ho corrotto con milioni dottori, ministri, sottosegretari di governo in tutto il mondo, ma è per il bene del bambino…….”.

Quindi…no,non sono un immunologo, ma neanche un idiota o un criminale. Chi inietta queste sostanze al proprio figlio, senza neanche essersi informato, è sia l’uno , che l’altro

Ma non voglio condizionarVi.

VaccinateVi.
Voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *