Il fisco che vorrei

Il fisco.

Farei una riforma fiscale così.
Non subito, non su due piedi entro giovedì, ma farei capire subito a tutti, che si arriverà li, in uno o due anni.
Si aggiornassero.

Organizzerei il fisco esattamente come dovrebbe essere.
Cioè puntato non alla quantità, ma alla qualità, come il tempo per i Maya, come i minuti per l’Amore, come la saggezza, come i bambini.

Aliquote basate sulla qualità di quello che fai
Qualità intesa come interesse comune.

Produci materiali inquinanti ? Irpef +20%.
Produci inquinando ? Irpef +20%
Produci materiali ad alto impatto sociale, come sigarette, alcool, coloranti, materiali tossici ? Iva 100%.
Paghi male i dipendenti, li tratti male come retribuzioni, mensa, tfr, libertà e servizi ? Irpef +10% a parte le multe e gli adeguamenti forzosi.
Produci materiale ad alta obsolescenza ? irpef +20%
Usi imballaggi costosi, non riciclabili, ingombranti e inquinanti ? irpef +20%
Produci materiale bellico ? irpef +40%
Produci materiale scadente, il cui riciclo sarà impossibile il suo smaltimento costoso ? iva 50%.
Usi per la produzione materiali ed energie non rinnovabili ? irpef +10%.
Tratti e hai come clienti e fornitori aziende nell’elenco di cui sopra ? irpef +20%.

Capite bene che una azienda che inquina, produce materiali inquinanti, usa imballi non riciclabili, assomma quindi diverse di queste aliquote penalizzanti di cui sopra, praticamente o cambia sistema in fretta o sparisce….e così dev’essere.

Invece:

Svolgi attività rivolte a servizi in cui lo Stato è carente ? Irpef -20%
Produci senza inquinare alcunché, anzi, depurando ? irpef -20%
Produci innovazione votata in qualunque maniera al bene comune ? Iva zero oppure irpef -20% con iva detraibile.
Produci prodotti volti al disinquinamento, alla purificazione ? Iva zero, oppure irpef -20% con iva detraibile.
Produci riciclando materiali che andrebbe in discarica ? Irpef zero.
Tratti bene i dipendenti superando nei servizi a loro destinati le minime imposizione di legge ? Irpef -10%
Fornisci loro anche asili nido gratuiti ? irpef -10%
Raddoppi i permessi maternità e concedi il telelavoro alle mamme ? contributi dimezzati.
Produci materiali particolarmente votati a durare decenni ? Iva dimezzata.
Produci articoli in cui sia previsto il disassemblaggio programmato e il futuro riciclo totale ? Iva dimezzata.
Usi imballi totalmente compostabili dall’inizio alla fine della filiera ? iva dimezzata.
Riesci a ridurre l’impronta ecologica della tua azienda di dieci punti su cento, in un anno ? Credito fiscale secco una tantum del 1% del fatturato.
Produci innovazione per l’energia, per il suo stoccaggio, per la mobilità a impatto zero, per l’agricoltura davvero sostenibile ?
irpef zero.
Vuoi tecnicamente adeguare la tua azienda ora non in regola, ai parametri di cui sopra ? Mutuo a tasso zero e parte a fondo perduto da decidersi.
Tratti con aziende annoverabili nelle caratteristiche di cui sopra ? Irpef -10%.

Potrei continuare parecchio.

Insomma, ora, inquinare, fare il male, pensare solo a se stessi, depauperare i beni comuni, come il benessere, l’aria, l’acqua, la cultura, CONVIENE. Si guadagna di più, si mettono via più soldi e potere, come risultato finale il male, i peggiori hanno più soldi e potere.

Bisogna far si che il BENE CONVENGA.

Infine: se tutta la tua attività è rivolta chiaramente all’incremento di quei parametri che si possono ascrivere al BENE COMUNE, le tasse non le paghi proprio.
La tua parte, l’hai già fatta.

Ma non è logico ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *