La libertà si prende, non si chiede

Credo che l’unica sia fottersene di ogni dpcm, rimanere aperti, andare in giro e vaffanculo.

Tanto sono tutti incostituzionali e quindi illegali.

Altrimenti ogni giro stringono un po’. E’ una garrota sociale e non può finir bene.

O pensate davvero che l’Italia possa fare a meno di ristorazione, spettacolo, teatro, concerti, sagre, ricezione e alberghiero, agroalimentare di qualità, turismo, convegni, congressi, musica e balli…?

Se arretri ti trovi infine con le spalle al muro.

Tanto vale opporsi subito.

#nonsifermerannofinchènonlifermeremo

Siamo infanti

Il sistema immunitario di una persona è un agglomerato portentoso e invincibile di intelligenze militari, organi di controllo, coesione e collaborazione diffuse. Trae la sua forza in centinaia di millenni di esperienza e intelligenza incrementale. Può contare sulla conoscenza reciproca e collaborativa di migliaia di miliardi di cellule. Interagiscono tra di loro intestino, sangue, cervello, cuore, sistema endocrino, in un rapporto numerico che corrisponde a milioni di volte le analisi di tutti i laboratori del pianeta, come quantità. Come qualità e sofisticazione il paragone non è neanche pensabile.

Col sistema immunitario a posto, non abbiamo nemici, col sistema immunitario distrutto è nemico tutto. La comunità cellulare che compone il sistema corporeo dell’essere umano è dotata quindi di un apparato di riconoscimento dei nemici e di difesa eccezionalmente validi.

Non altrettanto si può dire della comunità umana.

Questa è ancora bambina. Non riconosce i suoi nemici, non li neutralizza, anzi, li mette a capo delle sue legioni. Sembra incredibile, ma è così.

Tra le cellule del corpo umano vige collaborazione, e tutte cooperano al sostentamento del corpo intero. Alle cellule della comunità umana, agli umani, è stato invece spiegato che devono competere, litigare per i soldi, per un posto, per un parcheggio, per una promozione, per un fatturato, per un bilancio, per una eredità, per un sorpasso, per un minuto, per un furto, per dimostrare che si è qualcuno….per una poltrona, per un ufficio, per una macchina, per un terreno…per un confine.

Con chi ? Con un altro uomo, senza dubbio.

Chi vince ? Messa così, vince il più stronzo. Il più cattivo, che acquisisce potere fino a comandare lui……

La competizione intraspecifica crea una selezione a premialità inversa, che fa avanzare i peggiori.

Immaginate le cellule del corpo umano in competizione tra loro, invece che a collaborare e avrete subito un’idea dello stato di salute che pervaderebbe quel corpo col cuore incazzato coi reni, le ossa stufe di portare tutto, i globuli bianchi in lotta coi rossi…….auguri.

Come comunità umana siamo infanti, piccoli, appena nati, col sistema immunitario ancora incapace di riconoscere i nemici, tutti interni, che ci vogliono distruggere.

Non siamo ancora in grado di armonizzarci.

Siamo strutturati per collaborare, ma l’abbiamo dimenticato e ora siamo deboli. Lottiamo tutto il giorno contro gli altri, ma gli altri siamo noi.T

Tutto sta a indicare che siamo davanti a un salto.

In su, per diventare comunità armonizzata e coesa, collaborativa ed equanime, o nel baratro ?

Sta a tutti noi sta a te.

La sponda giusta dell’Amore e della Storia

Per decenni poche persone al mondo sono state ricchissime, moltissime hanno versato in povertà estrema.

Per decenni milioni di persone hanno avuto problemi di obesità, miliardi andavano a letto con la fame.

Per decenni abbiamo dato il 70% del cibo agli animali che poi mangiavamo al ritmo di 180 milioni al giorno, solo l’8% del cibo andava agli umani, e di questo spicchio i paese ricchi buttavano un terzo e consumavano il 90%.

Per secoli le nazioni potenti hanno depredato quelle povere, in ogni parte del globo, facendo una media di 70 guerre all’anno.

Per ogni bambino povero del pianeta basterebbero 60 centesimi al giorno per non farlo morire di fame, per ognuno però di loro però si spendono 60mila dollari al giorno in armi, per un totale di 4 miliardi al giorno.

E’ ovvio che era necessario fare una rivoluzione.Infatti è in corso, solo che la stanno facendo loro.

I ricchi.

Si era formata una classe media di persone che non stavano malissimo. Non stavamo malissimo. Hanno deciso di cancellarla. E di far piombare tutti nella miseria. Isolati, a scuola col PC, al lavoro tramite Pc, con stipendio minimo, col chip come i maiali, zitti e buoni. I vecchi eliminati, i bambini domati subito, gli adulti ipnotizzati…..

Tutto creato, prodotto, venduto e distribuito da poche colossali aziende.

Questo è il Covid.

Chi crede che il mondo sia stato fermato dai ricchi per proteggerci da una influenza ha bisogno di uno specialista, ma bravo, molto bravo.

La tendenza è chiarissima, la verità lampante.

Solo che la nostra consapevolezza sta crescendo, il salto quantico ci sarà, nulla può fermarlo e verranno travolti.

Fatevi trovare sulla sponda giusta della Storia e dell’Amore.Tutto qui.

#nonsifermerannofinchènonlifermeremo.

Tutto era tassato

Tutto era tassato: Casa, strada, auto, lavoro, spesa. I pomodori, la benzina, le sigarette, viaggiare, mangiare, la luce, il gas, la legna, il ferro, ogni acquisto, il transitare.I mobili, i libri, la metro, il treno, le vacanze, l’ombrellone… Gli occhiali, il dentista, le gomme, le lampadine, il pane, le crocchette, i rifiuti.

Ora……..L’acqua è stata dichiarata un “future”. Borsa di New York, 16 ottobre 2020. Un indice speculativo primario di cui le multinazionali fanno incetta da anni…. andrà pagata.

Era rimasta l’aria. Ora costa anche quella. 50 cents con la mascherina. 400 senza.

Una guerra….

Una guerra….Allora, quando vedevo le lunghe file di cittadini in auto aspettando il turno, anche per molte ore, per farsi fare il tampone, credevo fossero una manica di psicotizzati, pazzi e terrorizzati.

Terrorizzati lo sono, ma in maniera stringente e violentissima.

La maggior parte di loro hanno avuto un compagno di classe del loro figlio, o un dipendente, o un compagno di calcetto, o di danza della figlia, positivo; e allora scatta un sistema di intimidazione della ASL, che intima il tampone a te e tutta la famiglia, pena l’esclusione sociale, dal lavoro, la chiusura della tua attività…… sei economicamente morto…..

File anche di notte, anche alle cinque del mattino, anche lontano, pur di non essere dichiarato escluso dal consorzio umano.

Un delirio vero a cui non avrei creduto se non avessi testimoni diretti.

Sono basito e incazzatissimo. La causa ? Una normale influenza che come tutti gli anni fa venire un po’ di mocciolo a qualcuno… e qualcuno muore , come sempre, anzi, un po’ meno del solito. Mentre esce con tutta la tranquillità la notizia che allo Spallanzani stanno iniziando una ricerca per creare un sistema per riconoscere, in sede di tampone, il Covid da una normale influenza ammettendo quindi che ora non esiste questa differenza per cui danno 900 euro al giorno a paziente agli ospedali Covid e mille al mese a ogni dottore che vi opera. Gli unici contenti in un paese che affonda.

Questa truffa ha davvero dell’incredibile. Ed è quasi globale: Inghilterra, Argentina, Israele in situazioni analoghe.

Non ho grossi desideri: dalla vita ho avuto tutto, ma vorrei davvero fortemente questa massa di criminali alla sbarra, punita severamente. Dottori, primari, esperti, virologi del cazzo, direttori di testate, imprenditori della farmaceutica, politici, Mattarella, tecnici, giornalisti…

Si. Questo desiderio ce l’ho davvero.

Tornando da ngorongoro

Una volta, tornavamo da Ngorongoro, in Tanzania, in Land Rover verso il Kenya.

Un po’ stanchi. L’accoglienza a Nogorongoro Crater Lodge era stata pessima: acqua solo fredda, e siamo a 2200 metri sul livello del mare, dopo due giorni sul tetto della land rover perchè dentro puzzava di benzina, siamo terrecotte viventi, e una doccia è obbligatoria. A cena c’era solo carne di zebra, come il cuoio …. Ngorongoro è stupefacente e vale ogni fatica mille volte: abbiamo passato il pranzo nel cratere a mangiar pollo e tirando i resti per aria, nulla ha mai toccato terra: un’aquila li prendeva al volo. Per dire…Stiamo tornando verso il Kenya e all’improvviso a una curva ci sono 3 o 4 Masai in pitture di guerra. Diverse. Bellissime e inusitate, ci fanno dei segni….Ci fermiamo. dicono se vogliamo fare delle foto, ma sono ragazzi, quasi bambini…. Vabbè. Facciamo ‘ste foto.Scendiamo dalla Land e facciamo le foto, io e l’amico milanese incontrato per l’occasione di noleggiare jeep con autista ad Arusha…Abbiamo appena fatto qualche foto , a da dietro arriva un omone che in inglese stentato e parecchio swahili, che però capisco, tutto incazzato, ci dice che è proibito fare foto e dobbiamo andare dalla polizia. Io dico che neanche per sogno. Conosco la polizia tanzana e il trucco è tutto li. Ci leverebbero 400 euro a mezzi col Masai….non si può fare.Nasce un alterco, poi una colluttazione, lui ha preso la macchina fotografica del mio amico che si è incazzato come un picchio; discutendo discutendo la ragazza di lui guardando negli occhi il grande Masai, svita la tracolla e si riprende la macchina, a lui rimane la tracolla. Provo una presa ma l’uomo è forte e non cade, uno sguardo di intesa e uno dei ragazzetti gli lancia un bastone che lui al volo prende e mi rotea velocissimo a dieci centimetri dalla testa solo perchè mi sono abbassato al volo, se no ero steso, minimo.Cazzo.Ci incazziamo di brutto, e sia io che il milanese tiriamo fuori lui il serramanico, io il coltello da sopravvivenza e da sub che ho sempre, e avanziamo allargati. l’uomo vede le brutte e scappa, noi risaliamo in auto e andiamo via veloci…..

Non c’è altro. E’ andata così.

Speciazione in corso

La speciazione è in corso.

C’è chi cerca finalmente, con fatica e amore di dare senso compiuto alla denominazione “Homo Sapiens” e chi invece, vinto dalla paura, piomba speriamo non definitivamente, in una linea sub umana.

E’ nato Homo Timens

I virus, il sole, l’acqua e la memoria.

I virus, il sole, l’acqua e la memoria.

Il Virus non muore ai raggi solari, perché non è MAI NATO !

I virus, tutti i virus, non hanno vita, metabolismo, programmi, intenzioni, scarti, processi, durata pre programmata. Non avendo vita, non hanno neanche morte, ovviamente.

I virus, chimici, elettrochimici, o informatici che siano, sono spezzoni di informazione. Sono notizie, avvisi. Nello specifico avvisano le cellule di un pericolo. Questo avviso viene chiamato erroneamente “contagio”. Questo avviso se arriva a un sistema, un corpo, una persona, che è già debilitata, impanicata, aggredita da altre patologie in corso può effettivamente essere la goccia che fa traboccare un vaso. E’ come un “occhio, che pioverà”. Può gettare nel panico una persona che ha già freddo, che ha già la polmonite, o che si sente già con l’acqua alla gola, vero o falso che sia. E’ utile invece se stai bene: scegli le scarpe giuste….

Quando diciamo che “al sole il virus muore” compiamo una operazione di semplificazione linguistica.Il Sole è la fonte prima di energia del pianeta come tutti sanno, forse anche i vaccinisti, ma è anche la fonte prima di informazione del pianeta, ben più di Reuters e Associated Press. Il sole informa, METTE IN FORMA le molecole. Ricostruisce i segnali elettromagnetici e può ricostruire da capo perfettamente una cellula distrutta al 99%, sfruttando sofisticatissime ridondanze frattali del campo di interferenza. Uno spezzone di informazione spuria, un esosoma, il virus quindi, viene travolto da questo reset solare di informazione in pochi secondi. Un batterio, per inciso, al Sole dura poco di più.

L’umidità , l’acqua quindi, essendo memoria *, tende invece ad allungare i tempi di permanenza delle informazioni, degli avvisi, quindi dei virus e dei batteri.

Siamo i figli della sapiente alternanza di Sole, che è energia e informazione, e acqua, che è Memoria.

Immergiamoci più spesso nell’uno e nell’altra.

Allora si che allora, probabilmente, andrà tutto bene.———————————————————————-

* anche qui una semplificazione linguistica. L’acqua NON E’ memoria. La corretta formulazione è: l’acqua ha la caratteristica di formare il perfetto campo elettromagnetico di background atto a permettere la “sintonia” dei richiami molecolari da segnale univoco. L’acqua forma un campo elettromagnetico con frequenza specifica atta a far reagire SOLO un tipo di molecola. Avvenuta la reazione chimica solo tra le molecole “chiamate a farlo” da quella specifica situazione elettromagnetica, cambierà l’energia base del campo di background, e quindi la sua frequenza. Allora verranno chiamate a reagire altre molecole, e solo quelle. La differenza tra reazioni casuali tra tutte le molecole tipiche del brodo primordiale e la nascita della vita, organizzata, è simile alla differenza tra il brusio di una folla, o del traffico, e la meraviglia sinfonica di una bella orchestra: ogni componente è chiamata a reagire solo in quel momento, con quello spartito e con quegli strumenti in quella meravigliosa musica di cui l’acqua è direttore d’orchestra e il Sole, se vogliamo rimanere nella metafora, scrisse lo Spartito eoni fa.

I popoli antichi che veneravano il Sole non erano scemi.

Guardavano in alto.Tutto li.

Abbiamo delegato

Abbiamo delegatole cose del vivere insieme, ai politici,

le cose dell’anima ai preti…

le cose complicate ai tecnici…

le cose dell’economia agli economisti

le cose della salute ai dottori

le cose dei bambini alle scuole o a piccoli schermi

le cose del sapere, alla televisione.

Abbiamo delegato la nostra vita intera

Abbiamo accettato però una società basata sulla competizione, sul conflitto.

Abbiamo delegato in pratica la gestione del nostro pensiero, delle nostre vite, al nemico.

Ora decidono loro il nostro destino e quello dei nostri figli.

Ci siamo fottuti.

Dobbiamo urgentemente riprenderci le nostre respons – abilità.

L’abilità di dare risposte.

E con essa le nostre vite.